Archivi tag: tremonti

Ipocrisia è il mio secondo nome

In effetti questa è una Fiaba che coinvolge più il Giornale di Silvio (anzi, del fratello di Silvio), che Silvio stesso.

2 Ottobre 2008: Crisi, Tremonti: “Per l’Italia rischi contenuti”

6 Ottobre 2008: Borse, è tracollo: in fumo 450 miliardi

Fortuna che i rischi erano contenuti.

Nel frattempo Unicredit vara un aumento di capitale di quasi 7 miliardi di euro. Ora, se cercate “cos’è un aumento di capitale” o “perché si fa un aumento di capitale” su Google o Yahoo non otterrete grandi risposte. Qualcuno dei lettori sa rispondere? Secondo me non è una roba che fa un’azienda “sana” (o almeno il tempismo è quantomeno sospetto). O sì?

Sinistro

Annunci

3 commenti

Archiviato in (non tanto) lieto fine, Smentite

Tesoretto sì, tesoretto no

La terra dei cachi.

Bersani dice che il tesoretto c’è ed è evidente dalla finanziaria.

Tremonti dice che non c’è e semmai ne riparliamo tra 5 anni.

Così potrà dire che è merito suo.

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in In attesa di smentita

Aggiornamento su ICI e staordinari

Da quel che dice il sito di Forza Italia (o PDL che dir si voglia), pare che la detassazione degli straordinari e dei premi aziendali sarà veramente per i dipendenti. Saranno felici soprattutto i top manager i cui premi aziendali ammontano a milioni di euro l’anno.

Tremonti ha assicurato che la manovra è coperta, ma ha ovviamente evitato di entrare in dettagli. Perché di solito è lì che escono le magagne. Comunque io sono fiducioso: l’ultima volta che ha detto così ci siamo beccati una procedura di infrazione da parte della comunità europea.

Sinistro

2 commenti

Archiviato in In attesa di smentita

Abbasserò le tasse!

Una delle Fiabe preferite di Silvio è quella sulle Tasse. Ne è ossessionato, non riesce a levarsele dalla testa. Sarà che ne paga (o dovrebbe pagarne) così tante… Quindi in ogni campagna elettorale si è fatto un punto fermo di promettere che avrebbe abbassato la pressione fiscale sui poveri contribuenti italiani.

In particolare, in questa legislatura ha promesso di eliminare l’ICI (Imposta Comunale sugli Immobili) e di detassare straordinari e premi aziendali. Cosa comporta tutto ciò, al di là delle banali considerazioni economiche?

L’ICI è un’imposta comunale, i soldi vanno al Comune, non allo Stato. Se Silvio volesse veramente il Federalismo Fiscale, l’ICI sarebbe un esempio di cosa non va toccato: i soldi restano non solo nella regione, ma nel comune stesso di residenza. Abolendo questa tassa i comuni avranno meno fondi e dovranno scegliere se fornire meno servizi o inventarsi qualche altra tassa per recuperare denaro.

Detassare gli straordinari: sembrerebbe un nobile intento, ma Silvio non ha ancora chiarito se intende detassarli per le Aziende o per i Dipendenti (c’era stato un richiamo di Montezemolo in tal senso). Nel primo caso, le aziende sarebbero incentivate a ricorrere agli straordinari, invece che assumere più personale, peggiorando ancora lo stato del mercato del lavoro in Italia.

Detassare i premi aziendali: anche qui, è da chiarire se intende farlo per le Aziende o per i Dipendenti. C’è da dire che buona parte dei soldi dei Top Manager derivano proprio da questi bonus, quindi uno sgravio sarebbe sicuramente gradito dagli elettori di Silvio, d’altra parte se li detassasse per le Aziende, queste potrebbero spostare soldi dallo stipendio fisso al bonus (legato ad obiettivi, generalmente), intaccando ulteriormente il potere d’acquisto mensile dei dipendenti.

Comunque… non preoccupatevi! Non state a rompervi la testa su queste questioni, perché sono Fiabe! E’ tutto finto! Ieri Tremonti è stato alla riunione dei ministri dell’Economia dei paesi dell’Unione Europea e gli hanno ricordato che l’Italia non ha ancora raggiunto gli obiettivi di pareggio del bilancio e non potrà abbassare nessuna tassa. Si è parlato, al contrario, di alzare le tasse su stipendi e bonus dei Top Manager… Montezemolo non sarà affatto contento…

Sinistro

1 Commento

Archiviato in Smentite

Sul Ministro dell’Economia non ho mai avuto dubbi

Fin da prima delle elezioni, le idee di Silvio erano chiare riguardo ad alcuni nomi: per il Ministero dell’Economia non ci sono mai stati dubbi sul fatto che sarebbe stato presieduto da Giulio Tremonti, che tanto bene (a Silvio) aveva fatto nel governo precedente, anche se la Comunità Europea non la pensava così, tanto che fece partire una procedura di infrazione che si è chiusa solo di recente grazie agli sforzi del governo Prodi.

Sinistro

1 Commento

Archiviato in (non tanto) lieto fine, Uncategorized