Archivi categoria: Smentite

Manderò la polizia nelle scuole… anzi no

Negli ultimi giorni l’attenzione è concentrata sulla cosiddetta riforma Gelmini (comunemente intesa come riforma Tremonti) e sulla scuola.

In risposta alle prime occupazioni, Silvio ha prima minacciato la linea dura, smentendosi poi immediatamente (sennò che Fiaba di Silvio sarebbe?) dopo essere stato sputtanato anche dai suoi.

Nel frattempo Cossiga, ricordando i bei tempi di Gladio, dichiara che il governo sta sbagliando a minacciare l’invio della polizia: dovrebbe infiltrare il movimento con provocatori pronti a tutto e poi massacrare tutti, professori e studenti.

Gli studenti continuano ad occupare e a cercare soluzioni, forse sono l’unica forza rimasta nel paese. Confidiamo in loro.

Sinistro

1 Commento

Archiviato in In attesa di smentita, Smentite

Ipocrisia è il mio secondo nome

In effetti questa è una Fiaba che coinvolge più il Giornale di Silvio (anzi, del fratello di Silvio), che Silvio stesso.

2 Ottobre 2008: Crisi, Tremonti: “Per l’Italia rischi contenuti”

6 Ottobre 2008: Borse, è tracollo: in fumo 450 miliardi

Fortuna che i rischi erano contenuti.

Nel frattempo Unicredit vara un aumento di capitale di quasi 7 miliardi di euro. Ora, se cercate “cos’è un aumento di capitale” o “perché si fa un aumento di capitale” su Google o Yahoo non otterrete grandi risposte. Qualcuno dei lettori sa rispondere? Secondo me non è una roba che fa un’azienda “sana” (o almeno il tempismo è quantomeno sospetto). O sì?

Sinistro

3 commenti

Archiviato in (non tanto) lieto fine, Smentite

Alitalia presto salva

Quello di Alitalia è uno dei cavalli di battaglia di Silvio: la favola inizia prima delle elezioni, quando Silvio dichiara che è pronta una cordata italiana per l’acquisto e che se verrà eletto non svenderà l’azienda ai francesi. Piovono smentite un po’ da tutte le parti, Silvio scantona, dice che guiderà la cordata lui stesso. Poi si ricorda del conflitto d’interessi e dice che saranno i suoi figli. Poi chiama in causa le banche. Tutti smentiscono puntualmente.

La Fiaba continua con le invenzioni estemporanee di Silvio: salta fuori l’ipotesi Aeroflot, poi si ritorna all’idea originaria di Air France, ma è tardi, visto che la compagnia francese ritira l’offerta. Per salvare capra e cavoli Silvio fa approvare dal governo Prodi un prestito di 300 milioni di euro alla compagnia di bandiera per garantirne l’operatività (Alitalia era in perdita di circa un milione di euro al giorno).

Ovviamente le compagnie concorrenti non apprezzano molto e neanche l’Unione Europea, che avanza immediatamente dei dubbi sulla liceità del prestito statale rispetto al mercato comune europeo. Giusto qualche giorno fa, l’UE ha ribadito che il finanziamento era illegittimo, quindi probabilmente ora dovremo pagarci anche delle multe su.

Proseguendo nell’onirica fiaba, Silvio arriva a dire che Alitalia la comprerà lo Stato italiano via Ferrovie dello Stato. Agghiacciante.

Di ieri è l’ultima sparata in cui Silvio, a distanza di 3 mesi dalla dichiarazione “Alitalia salva entro un mese” (il tempo vola), se ne esce dicendo che la soluzione è dietro l’angolo, quasi pronta, ma saranno necessari sacrifici. Si parla di 4000 esuberi, il doppio di quelli proposti da Air France e per cui si era gridato allo scempio.

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in In attesa di smentita, Smentite

No al reato di immigrazione clandestina

Da raccontatore di Fiabe quale lui è, Silvio smentisce tutta la fiaba sul reato d’immigrazione clandestina che doveva salvarci dall’invasione dei barbari (spesso con laurea, ma pur sempre barbari): il reato d’immigrazione clandestina che dovrebbe risolvere tutti i problemi di criminalità in Italia non esiste. O, meglio, è stato illustrato come la panacea universale per cacciare tutti questi immigrati clandestini che tanto male fanno (voglio vedere poi chi li raccoglie i pomodori nei campi e chi baderà a migliaia di vecchietti e vecchiette) dal paese.

Piccolo problema: il reato riguarda l’ingresso clandestino nel nostro paese, non la permanenza, quindi o si “coglie sul fatto” l’immigrato nell’atto di varcare il confine o non lo si può condannare.

Tutto cambia perché nulla cambi…

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in Smentite

Ecco dove ho preso i soldi!

Purtroppo non possiamo ancora spiegare come Silvio abbia potuto sovvenzionare i suoi primi investimenti nel mercato edilizio, tuttavia è uscito un articolo piuttosto interessante su come verranno finanziate l’abolizione dell’ICI e la detassazione dei milionari premi aziendali dei top manager.

In breve: tagli.

Il simpatico Tremonti taglia cose di poco conto: i fondi per combattere la violenza contro le donne, i fondi per ferrovie e strade nel sud Italia (però faranno il Ponte sullo Stretto), quelli destinati a migliorare i trasporti locali (tanto Silvio e i suoi amici hanno tutti auto Euro 4, chissenefotte degli sfigati che vanno coi mezzi). Ancora, vengono tagliati i fondi destinati alla rete idrica (che è già in condizioni critiche) ed alle opere di forestazione e riforestazione. Un occhio di riguardo anche alla cultura: eliminati i soldi per le Università e la Formazione artistica e Culturale. Che dire dello sviluppo tecnologico? Via 50 milioni destinati all’ampliamento dell’offerta di banda larga (massì tanto siamo già il fanalino di coda in Europa) e per l’informatizzazione delle pubbliche amministrazioni.

Sinistro

2 commenti

Archiviato in Smentite

Manderemo Fede in orbita!

Un grande obiettivo per il governo: mandare in orbita non solo Rete 4, ma tutta la redazione del TG 4 che verrà ospitata in un apposito modulo della stazione orbitale internazionale MIR.

Facezie a parte, pare che Silvio se la sia un po’ presa perché circa 90 parlamentari del PDL non si sono presentati il giorno delle votazioni sul decreto che conteneva la norma “salva Rete 4”, producendo una bocciatura di misura del decreto.

Il PDL, in particolare Giorgio Lainati, decide di regalarci una perla, cianciando di un’opposizione che cerca il dialogo, ma dà contro a Rete 4 e cerca di scippargli le frequenze (!!) solo perché è posseduta da Silvio. In realtà, come avevamo già spiegato, tali frequenze non appartengono a Rete 4, il diritto di sfruttamento appartiene ad Europa 7, che le ha vinte in gara d’appalto nel 1999…

Sta di fatto che… indovinate un po’? Silvio si è smentito, ha cambiato di nuovo la norma e togliendo il riferimento al mantenimento dello status quo esistente, anche se proveranno a ripresentarlo più avanti…

Sinistro

2 commenti

Archiviato in Smentite

Una raccolta di Fiabe

Noi ve ne avevamo già raccontate una buona parte!

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in Smentite

Non patteggerò nel caso Mills

La Fiaba, con tanto di smentita finale, è di qualche giorno fa, ma merita comunque un minimo di attenzione. Pare che nel Decreto Sicurezza dovesse rientrare anche una norma sul patteggiamento di cui si sarebbe potuto avvalere il Nostro nel processo in corso per la compravendita dei diritti televisivi.

Sarebbe stata solo una tra tante leggi ad personam di cui Silvio è stato autore in questi anni, ma invece no, questa volta le proteste giunte da ogni direzione e schieramento hanno avuto la meglio e la norma è stata stornata dal pacchetto sicurezza.

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in (non tanto) lieto fine, In attesa di smentita, Smentite

Non parleremo di rifiuti

La smentita non viene direttamente da Silvio, ma da un suo ministro (ma non aveva detto che li avrebbe massacrati se avessero rilasciato dichiarazioni?): durante il Consiglio dei Ministri che si terrà domani a Napoli non si parlerà del problema dei rifiuti.

Quindi, nonostante le promesse fatte in passato e gli appelli degli ultimi giorni, il problema verrà discusso più avanti. Tanto c’è tempo

Sinistro

2 commenti

Archiviato in (non tanto) lieto fine, Io sono quello BUONO..., Smentite

Abbasserò le tasse!

Una delle Fiabe preferite di Silvio è quella sulle Tasse. Ne è ossessionato, non riesce a levarsele dalla testa. Sarà che ne paga (o dovrebbe pagarne) così tante… Quindi in ogni campagna elettorale si è fatto un punto fermo di promettere che avrebbe abbassato la pressione fiscale sui poveri contribuenti italiani.

In particolare, in questa legislatura ha promesso di eliminare l’ICI (Imposta Comunale sugli Immobili) e di detassare straordinari e premi aziendali. Cosa comporta tutto ciò, al di là delle banali considerazioni economiche?

L’ICI è un’imposta comunale, i soldi vanno al Comune, non allo Stato. Se Silvio volesse veramente il Federalismo Fiscale, l’ICI sarebbe un esempio di cosa non va toccato: i soldi restano non solo nella regione, ma nel comune stesso di residenza. Abolendo questa tassa i comuni avranno meno fondi e dovranno scegliere se fornire meno servizi o inventarsi qualche altra tassa per recuperare denaro.

Detassare gli straordinari: sembrerebbe un nobile intento, ma Silvio non ha ancora chiarito se intende detassarli per le Aziende o per i Dipendenti (c’era stato un richiamo di Montezemolo in tal senso). Nel primo caso, le aziende sarebbero incentivate a ricorrere agli straordinari, invece che assumere più personale, peggiorando ancora lo stato del mercato del lavoro in Italia.

Detassare i premi aziendali: anche qui, è da chiarire se intende farlo per le Aziende o per i Dipendenti. C’è da dire che buona parte dei soldi dei Top Manager derivano proprio da questi bonus, quindi uno sgravio sarebbe sicuramente gradito dagli elettori di Silvio, d’altra parte se li detassasse per le Aziende, queste potrebbero spostare soldi dallo stipendio fisso al bonus (legato ad obiettivi, generalmente), intaccando ulteriormente il potere d’acquisto mensile dei dipendenti.

Comunque… non preoccupatevi! Non state a rompervi la testa su queste questioni, perché sono Fiabe! E’ tutto finto! Ieri Tremonti è stato alla riunione dei ministri dell’Economia dei paesi dell’Unione Europea e gli hanno ricordato che l’Italia non ha ancora raggiunto gli obiettivi di pareggio del bilancio e non potrà abbassare nessuna tassa. Si è parlato, al contrario, di alzare le tasse su stipendi e bonus dei Top Manager… Montezemolo non sarà affatto contento…

Sinistro

1 Commento

Archiviato in Smentite