Archivi del mese: maggio 2008

Non patteggerò nel caso Mills

La Fiaba, con tanto di smentita finale, è di qualche giorno fa, ma merita comunque un minimo di attenzione. Pare che nel Decreto Sicurezza dovesse rientrare anche una norma sul patteggiamento di cui si sarebbe potuto avvalere il Nostro nel processo in corso per la compravendita dei diritti televisivi.

Sarebbe stata solo una tra tante leggi ad personam di cui Silvio è stato autore in questi anni, ma invece no, questa volta le proteste giunte da ogni direzione e schieramento hanno avuto la meglio e la norma è stata stornata dal pacchetto sicurezza.

Sinistro

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in (non tanto) lieto fine, In attesa di smentita, Smentite

Salviamo Rete 4

Silvio, si sa, ha un rapporto particolare con Rete 4, una delle sue televisioni, quella il cui telegiornale è affidato al suo scodinzolante Emilio Fede.

I fatti sono noti a tutti quelli che si sono sforzati di leggere un giornale o un qualsiasi sito di informazione, un po’ meno noti a chi riceve la quotidiana dose di menzogne solo dalla TV: in soldoni Rete 4 non potrebbe trasmettere in analogico su scala nazionale, in più dal 1999 sta occupando abusivamente le frequenze assegnate ad un altro operatore, Europa 7. A Gennaio una sentenza della Corte Europea ha stabilito che Europa 7 è il legittimo fruitore di quelle frequenze e che Rete 4 dovrà liberarle.

Ovviamente questo a Silvio non va giù: perché dovrebbe permettere questo scempio della sua proprietà? E che cavolo, in fondo ora è lui che comanda, non può mica sacrificare il suo più fedele e scodinzolante amico (senza parlare delle perdite di introiti pubblicitari). La soluzione si è presentata sotto forma di emendamento al decreto “salva infrazioni” proposto dal precedente governo Prodi, in cui Silvio vorrebbe inserire una norma che dovrebbe salvare, per l’ennesima volta, Rete 4 dall’ignominioso confino sul satellite.

Le critiche sono piovute un po’ da tutti i fronti, vedremo se Silvio saprà smentirsi a sorpresa o se riuscirà anche questa volta a farla franca e salvare tutti quei posti di lavoro (che, poi, questa storia dei posti di lavoro mi fa veramente sogghignare: forse che se su quelle frequenze trasmettesse Europa 7 non ci sarebbero gli stessi posti di lavoro uguali uguali? Allora diciamolo, bisogna salvare delle poltrone per delle persone in particolare, non dei posti di lavoro…)

Sinistro

1 Commento

Archiviato in (non tanto) lieto fine, In attesa di smentita

Per la sicurezza ci vogliono i Maroni

Una delle poltrone da ministro cedute alla Lega è proprio quella dell’Interno, su cui torna a sedersi Roberto Maroni, che c’era stato in precedenza nella breve esperienza del primo governo Berlusconi.

Maroni è uno dei colonnelli di Bossi, con la Lega dal 1990. Viene ricordato nelle cronache giudiziarie per una condanna in via definitiva per resistenza a pubblico ufficiale (pare abbia anche cercato di mordere la caviglia ad un agente, ma non ho trovato fonti attendibili al riguardo) durante una perquisizione in una sede della Lega.

Maroni, che per certi versi sembra il leghista più presentabile, suona l’organo Hammond nella blues band Distretto 51 ed ha dichiarato di scaricare illegalmente musica da Internet.

Marco Biagi era alle sue dipendenze (Maroni era Ministro del Welfare) e lo aveva pregato di ripristinare la scorta, poco prima di essere ucciso dalle Brigate Rosse.

Nel Consiglio dei Ministri che si è svolto a Napoli con la simpatica coreografia di 9 cortei di protesta, ha presentato il “pacchetto sicurezza” del nuovo Governo, che vorrebbe introdurre il reato di Immigrazione Clandestina e per cui, probabilmente, verremo bacchettati dall’UE.

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in In attesa di smentita, Io sono quello BUONO...

Proteggeremo le discariche con l’esercito

Con una mossa degna del miglior regime totalitario, Silvio, per risolvere il problema dei rifiuti, ha trasformato le discariche in “aree militari” che saranno protette dall’esercito. Ogni tentativo di bloccare l’accesso alle discariche o di introdursi abusivamente (magari per documentarne lo stato) sarà punibile con pene da 3 mesi a 3 anni di carcere. Addirittura chi “promuove disordini” rischia fino a 5 anni.

Come al solito, l’unica vera soluzione è imbavagliare l’informazione non allineata, bloccare il dissenso e far ingoiare il rospo. Magari con l’aiuto di un imbuto ed un po’ di olio di ricino.

Ah, tanto per rincarare la dose, verranno costruiti 4 inceneritori che appesteranno l’aria di tutte le province campane. Buon cancro a tutti.

Sinistro

2 commenti

Archiviato in (non tanto) lieto fine, In attesa di smentita

Santo Subito!

Italiani, popolo di santi, navigatori ed eroi. E pizzaioli, mafiosi e spaghettari, meglio non dimenticarlo.

Berlusconi santo

A Napoli sono comparsi dei manifesti che inneggiano a Silvio “Santo Subito” se risolverà il problema dei rifiuti.

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in Sparate gratuite

Non parleremo di rifiuti

La smentita non viene direttamente da Silvio, ma da un suo ministro (ma non aveva detto che li avrebbe massacrati se avessero rilasciato dichiarazioni?): durante il Consiglio dei Ministri che si terrà domani a Napoli non si parlerà del problema dei rifiuti.

Quindi, nonostante le promesse fatte in passato e gli appelli degli ultimi giorni, il problema verrà discusso più avanti. Tanto c’è tempo

Sinistro

2 commenti

Archiviato in (non tanto) lieto fine, Io sono quello BUONO..., Smentite

Polizia: gli italiani vi sono grati

In occasione del 156° anniversario delle forze dell’ordine, Silvio invia parole di stima e gratitudine alla polizia, dicendo che tutti gli italiani gli sono grati.

Non è del tutto vero: forse i fermati della Bolzaneto non gli sono molto grati. Forse Carlo Giuliani e la sua famiglia non gli sono grati. Ma è facile dimenticarsi di loro, erano solo un mucchio di comunisti.

Sinistro

Lascia un commento

Archiviato in (non tanto) lieto fine, Sparate gratuite